lunedì 28 giugno 2010

Mare profumo di diluvio

Lo scorso week mi accingevo a preparare una mini-valigia per andare al mare, ospiti di cari amici di famiglia a Porto Venere, Liguria.


(questa foto si riferisce a domenica dove a tratti spuntava per qualche secondo il sole)

Non avendo quasi mai la possibilità di fare via il week-end intero mi sono promessa di fare una di quelle valigie intelligenti-super compatte. Alché la valigia comprendeva oltre ad un abito lungo a rughe per andare in spiaggia, una maxi gonna nera da sera (semi-strascicco) con abbinato un corpetto nero, accessori rossi quali collana e orecchini di corallo, scarpe Fendi con super tacco, infradito rossi, e un completo più sportivo per le evenienze composto da pantaloni neri di cotone leggero, t-shirt (quanto sono stati utili.. io non ci credo ancora).
Arrivati al confine con la Liguria intuivo già che il necesser che mi ero portata era davvero ridicolo. Pioggia a secchiate. Mai presa così tanta acqua di soli 2 giorni. Mi sono anche arrabbiata per essermi stupidamente svegliata alle 6.20 solo per mettermi lo smalto rosso Chanel anche sui piedi.. Cosa che alla fine si è comunque rivelata utile dovendo comprare un paio di scarpe da pioggia. Entrata nel negozio con indosso degli scarponcini da pioggia verdi (utili ma anti estetici) mi accomodavo per provare delle comode Superga "da pioggia". Tolto il mio stivaletto di gomma, sotto, in perfetto stile Giulia, ecco spuntare il mitico 473 Coromandel di Chanel. Queste sono soddisfazioni.
Il week di mare si è trasformato al volo nel week "mare d' inverno". Noi eravamo comunque felici di essere per un po' in un posto diverso da Milano visto la settimana passata quindi qualsiasi fosse stato il tempo a npoi andava bene. Così non potendo andare in spiaggia abbiamo fatto vari giretti, comprato non so quanti chili di focaccia e farinata ( io adoro la farinata, magari facciamo la ricetta un giorno)e organizzato la cena fuori. Il mio Chef aveva ovviamente già in mente tutto.
Il ristorante si trova sull' Isola Palmaria di fronte proprio a Porto Venere, si chiama "Locanda Lorena" www.locandalorena.com . Prenotato il nostro tavolo per le 20.30 alle 20 eravamo all' imbarco dove ci aspettava il motoscafo che ci avrebbe portato al ristorante.


(foto scattata di notte senza cavalletto, chi se ne intende sà cosa vuole dire)

Eravamo affacciati al mare, il nostro tavolo era proprio vicino alla vetrata. Abbiamo cenato a base di pesce, piatti cucinati secondo tradizione semplici ma molto gustosi.



Il tutto si è rivelato davvero romantico nonostante la temperatura polare e l' acqua.


La domenica il tempo ci ha dato un po' di tregua..